Chi siamo

Lo Chef Angelo Treno

Di origine contadina, Angelo Treno ha iniziato la sua attività come barman e maître di sala. A soli 16 anni ha vissuto la prima esperienza lavorativa nel noto Bar San Carlo di Torino, continuando allo stesso tempo a studiare per la propria crescita personale, per poi approdare piano piano in cucina negli anni ‘70.

«Il mio percorso nella cucina nasce dalla curiosità. Mio padre era un contadino e quando finiva la scuola lo andavo a trovare: egli mi faceva assaggiare cose buonissime. Nella zona a sud di Piazza Armerina, al tempo c’erano diversi fiumiciattoli, fatti di ciottoli e sabbia: lui lì prendeva granchi e gamberi di fiume, poi li arrostiva sulla fiamma viva. A volte capitava di acciuffare qualche anguilla. E così credo che l’idea di mangiare cose particolari, di non accontentarsi di quello di cui si cibano tutti, sia entrata dentro di me.

lo chef angelo treno
lochef piatto
angelo treno cucina
angelo treno verdure

A forgiare la sua formazione i tanti anni trascorsi in giro per l’Europa tra Londra, Bruxelles, Cannes, Germania, Olanda, lo studio di macrobiotica attraverso l’incontro con un maestro di Kendo e lo studio delle tante dominazioni che hanno governato sull’isola, ciascuna delle quali ha lasciato importanti influenze gastronomiche.

«La magia della Sicilia sta nell’incontro avvenuto nella nostra regione tra molte tradizioni e culture diverse, per via delle dominazioni che si sono succedute. Al resto ha pensato una terra straordinariamente fertile, che ha permesso di prosperare a qualsiasi coltura arrivata qui. Siamo un esempio unico nella storia, un’isola in cui hanno convissuto pacificamente le tre grandi religioni monoteiste, in un continuo scambio culturale. La nostra cucina si è arricchita nello stesso modo.

La proposta di un progetto a Piazza Armerina lo convinse a tornare nella sua Sicilia aprendo nel 1992 il ristorante Al Fogher per offrire ai propri clienti l’alchemica riscoperta del gusto più autentico.

La Pastry Chef
Ernesta ...

ernesta al fogher

Si divide tra la cucina e la sala, dove con il sorriso accoglie ogni giorno i suoi ospiti. La pastry chef Ernesta Tudisco ha sempre qualcosa di buono da riservarvi a conclusione di ogni pranzo o cena, una chicca che racchiude l’essenza della Sicilia e la sua idea di dolce. 

«Il mio dolce preferito è quello che ti riscalda, soffice, cremoso, poco zuccherato”, dice lei con tutta quella semplicità con cui riesce a rendere la pasticceria un mondo da conoscere ancora più bello ed interessante. 

Le sue creazioni seguono la stagionalità degli ingredienti e le sue interpretazioni dei dolci della tradizione rendono inconfondibile la sua pasticceria. 

piatto3
insieme in cucina